Una battaglia appena all’inizio

Il primo pezzo di un nuovo blog dovrebbe essere illustrativo: presentare il progetto e indicarne ai lettori le linee guida. Questo non sarà quel tipo di blog. Uno Spazio Libero è qualcosa che non è stato occupato, che è vuoto, che si può e, in questo caso, si deve riempire. Per questo parleremo di tante cose, con voci diverse, eterogenee, spesso magari anche in contrasto tra di loro.

Una linea però sarà la stessa per tutti: la libertà di scrivere di tutto senza condizionamenti. Non sarà un blog generalista né localista, parleremo delle cose che ci stanno a cuore, partendo dal posto in cui viviamo.

Uno dei grandi temi di questa epoca è la lotta, sempre più difficile e disperata, per la difesa dell’ambiente. Tanti anni fa, quando chi scrive era in prima linea, difendere certi argomenti era considerato di nicchia, venivamo definiti quelli del no a prescindere, che non volevano lo sviluppo, il progresso, il lavoro. Oggi molti, inclusi coloro che ci deridevano, sono tornati sui loro passi, e parlare di ambiente è diventato comune anche a latitudini politiche distanti anni luce fino a poco tempo fa.

La battaglia per la difesa del nostro territorio parte quindi da lontano, ma è come se fosse all’inizio, perché la situazione è precipitata a velocità insostenibile. Guardandoci intorno: è sotto attacco l’aria (pm10, emissioni nocive, puzza); è sotto attacco l’acqua (mercurio, arsenico, piombo, scarichi illeciti, percolato, tensioattivi…); è sotto attacco la terra (contaminazioni da esaclorocicloesano e altre sostanze, rifiuti e sostanze tossiche interrate nel sottosuolo, pozzi e falde acquifere contaminate, discariche e depositi di amianto abbandonati).

I cittadini, da soli, non possono farcela. Gli amministratori locali (che sono comunque molto pigri nel cercare soluzioni valide), da soli, non possono farcela. Non possono farcela gli enti sovra comunali (Provincia, ormai svuotata, anche se rilascia, e a volte non rilascia, le famose AIA; Regione, che ascolta solo a targhe alterne e dovrebbe fare molto di più), da soli, non possono farcela. Nessuno vincerà questa battaglia da solo. Sarà necessaria un’unità di intenti come mai si è vista in passato.

Se questa terra vuole avere un futuro, se vogliamo lasciare ai nostri figli un luogo decente in cui vivere, ci dobbiamo tutti svegliare dal sonno, altrimenti sarà troppo tardi.

Questo blog non punta a risolvere il problema, punta però a raccontarlo senza filtri o interessi di parte. Punta a sostenere le azioni che possono cambiare davvero le cose. Punta a scuotere le persone.

Punta a fare, semplicemente, informazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...