Informazioni su Alessandro Ciotoli

.

Torna Angelino Stella con I Divoratori del Presente

Uscirà a breve in tutte le librerie il secondo volume de “I divoratori del Presente – Gli untori del domani”, dal titolo “Un amico interstellare”. A distanza di 8 anni dal primo romanzo, Angelino Stella torna a percorrere la strada che lo ha contraddistinto sia durante la sua attività politica che durante quella letteraria. Una lotta per la difesa del territorio, sempre più bullizzato e martirizzato da politici, imprenditori, curie, lobby, gente comune, tutti dediti alla ricerca del profitto immediato a svantaggio delle future generazioni. Torna a parlare delle battaglie di una vita in un libro che è al tempo stesso romanzo, saggio, raccolta di poesie e di pensieri filosofici. Un’immersione vera nel mondo controcorrente di un combattente vero, che per portare avanti le proprie battaglie ambientali ha spesso messo da parte gli interessi personali e politici, finendo, solo apparentemente oggi, in un angolo. In questo spazio che per molti sarebbe potuto apparire ristretto, ha prodotto quest’opera impegnativa, complessa ma appassionata, in cui ci ricorda in ogni passaggio che la nostra vita, e quella delle future generazioni, passa attraverso le nostre azioni quotidiane. Il libro sarà presentato nel mese di giugno, tutti i dettagli saranno forniti a breve.

Immagine1

Narcos Mexico manda in soffitta Escobar

Forse mi attirerò contro le ire dei puristi, ma Narcos: Mexico è nettamente la migliore stagione della serie dedicata alle attività della D.E.A. contro i cartelli del narcotraffico degli anni ottanta. Che sarebbe stata diversa lo si capisce dal principio, l’equivoco su chi sarebbe stato il buono e chi il cattivo tra Miguel Angel Felix Gallardo e Kiki Camarena con cui vengono introdotti questi due personaggi è fenomenale, ti porta facilmente a sbagliare viste la faccia da bravo ragazzo bianco di Diego Luna e quella da indio da strada di Michael Peña. Invece con il passare degli episodi i due attori emergono in tutta la loro bravura, portando alla luce l’ascesa verso il trono dei narcotrafficanti di un povero poliziotto di Sinaloa. La forza di questa stagione non sta però solo nei personaggi, ma nel realismo con cui viene descritta una società in cui tutti possono essere corrotti, partendo dai politici, passando per le forse dell’ordine fino ad arrivare alla gente comune. La droga porta denaro, il denaro porta l’individuo ad accettare di tutto pur di guadagnarsi un posto al sole.

Le coperture politiche erano già state messe in evidenza nelle prime stagioni della serie, sia le due dedicate a Pablo Escobar che la terza dedicata al Cartello di Calì. In questa però il punto di vista rovescia i punti di forza. In alcuni tratti sono i politici i veri cattivi della serie, ci spingo quasi a simpatizzare per i narcotrafficanti. Sono ingordi, avidi non solo del potere che già detengono, ma anche del denaro che pretendono per proteggere le attività del cartello. Quel binomio denaro-potere che sembra indissolubile ma che traina tutte le sfere della società, spingendo il primo a far crescere l’influenza del secondo, e dimostrando che il solo denaro, senza il potere, è niente, sono miliardi che se ne vanno in fumo con leggerezza e senza che nessuno se ne preoccupi.

Una delle cose che più si apprezzano di questa quarta stagione è poi il fatto che non si crea nessuna apologia dei cattivi, perché le gesta che compiono sono disumane, sono sbagliate, e non spingono lo spettatore a parteggiare per loro. Questa deviazione dei valori, che hanno spinto molti critici a contestare le serie dedicate alla malavita con l’accusa di trasformare dei criminali in eroi, ha determinato una percezione sbagliata dei criminali anche nella società reale. Si è portati a sostenere chi spaccia, chi guadagna facile con il narcotraffico, chi va a braccetto coi politici e grazie a questo ha tutte le porte spalancate, pur sapendo quali siano le attività principali di guadagno di questi personaggi. Un fenomeno questo che salta all’occhio soprattutto nei centri più piccoli, dove tutti sanno di tutti, e dove alcuni criminali vengono considerati benefattori solo perché investono qualche soldo, magari per riciclaggio, in feste o attività politiche.

In conclusione, la migliore stagione della serie. Un corso fantastico di spagnolo dell’America centrale, scelte registiche di qualità, prove d’attore magistrali non solo dei due protagonisti ma anche nei ruoli di supporto. Una serie da vedere, sperando non ci mettano troppo a dirci come andrà a finire.

narcos-mexico-season-1-ending-explained-about-agent-kiki-and-felix-real-life-dea-dealings-and-war-on-drugs-spoiler-talk-review-intro

Nella House of Cards ceccanese ci rimettono tutti

Chiariamo subito il concetto: un’Amministrazione va giudicata per le attività svolte durante un intero mandato, e dovrebbe avere il diritto di portarlo a termine perché è così che vogliono gli elettori al momento del voto. Questo il pensiero mio e di tantissimi altri. Ci sono però oggi delle situazioni che spingono a riflettere su cosa sia diventata oggi la politica. Da sempre considerata come un laboratorio capace di anticipare anche gli scenari nazionali, a Ceccano nel 2015 vince le elezioni per la prima volta dal 1994 (anno in cui i ceccanesi elessero direttamente il Sindaco in base alla nuova legge elettorale per i Comuni) una coalizione diversa dal centrosinistra. Un gruppo molto forte, composto da sette liste civiche che, sostenendo Roberto Caligiore, porta avanti con forza lo slogan “Né destra, né sinistra, né affari”, e trionfa al ballottaggio con il 66,40% dei voti contro Luigi Compagnoni, che a mio modo di vedere continua ad essere la persona giusta candidata nel momento sbagliato. Il vento dell’estate 2015 faceva presagire una nuova era per la nostra città. Un nuovo modo di fare politica, finalmente sarebbero stati risolti tanti problemi decennali, da Acea ai rifiuti, dall’inquinamento al recupero del Palasport, passando per il decoro urbano e la sicurezza. A un certo punto però, la politica del “né né né” (confesso di non amare le negazioni negli slogan) ha iniziato a scricchiolare, rendendo palese ed evidente che quel cartello elettorale non era stato assemblato sulla base di un progetto, ma solo perché molti dei candidati erano delle vere e proprie calamite di consensi. Messi tutti insieme alle elezioni erano stati un tornado. Messi tutti insieme a governare, hanno prodotto una serie impressionante di crisi partite da febbraio 2017 (appena 1 anno e mezzo dal voto) e destinate ancora a non finire. Ogni singolo consigliere si è rivelato essere non parte di un gruppo, ma un partito a sé stante, interessato solo alla propria figura e non al gruppo, fatta eccezione per gli iscritti a Fratelli d’Italia, abituati all’esperienza di partito, e alle liste Nuova Vita e Patto Civico, nati prima come gruppi e poi diventati liste. Il resto, una serie di rivendicazioni, minacce, riavvicinamenti, poi di nuovo litigi, richieste di posti, richieste di maggiore visibilità, che hanno finito per schiacciare il Sindaco, lasciandolo a dover gestire non una coalizione, ma un domino dove ogni tessera che veniva spostata ne poteva far cadere un’altra, paralizzando di fatto una vita amministrativa già seriamente compromessa dalla carenza di risorse economiche cronica che colpisce tutti gli enti locali. L’ultima crisi è emblematica. Per sostituire Massimo Ruspandini alla carica di Vicesindaco ci vogliono tre mesi, con colpi di scena degni di House of Cards, o forse meglio di Beautiful, dove c’è chi minaccia di uscire, poi viene cacciato, poi rientra, poi non sa se accettare, poi esce di nuovo, con cambiamenti di idea e di posizione così repentini da far girare la testa anche ai più attenti appassionati (rimasti ben pochi nel frattempo). Sia chiaro, non è la prima volta che si verificano crisi. Gli stessi sindaci di centrosinistra ne avevano affrontate decine, uscendone indenni Cerroni e Ciotoli, e uscendone sconfitta Manuela Maliziola, sfiduciata da 11 consiglieri nel giugno 2014 dopo appena due anni di mandato. Forse questo ci dice che, con i famigerati e brutalizzati partiti, si riusciva a trovare un’intesa più facilmente rispetto ad oggi, dove ognuno pensa per sé, ognuno sostiene, come la Claire Underwood di House of Cards, che è il suo turno e tutti devono farsi da parte. Dove porterà tutto questo? Non si sa. Di certo non alla risoluzione dei problemi di Ceccano. I famigerati problemi ereditati da “quelli di prima” che, ahinoi, forse erediteranno in toto anche “quelli di dopo”, chiunque essi siano. Forse, con questa situazione di estrema difficoltà economica e politica, piuttosto che cercare di rammendare con le toppe un’esperienza nata e finita male, sarebbe stato più saggio assumersi la responsabilità di fare un passo indietro, non per sé stessi, ma per la città. A quel punto, a giugno 2019 avremmo votato di nuovo, ma magari avremmo avuto di fronte coalizioni diverse, più omogenee (lo so che è un’utopia, ma è una semplice opinione), e il vincitore avrebbe potuto iniziare a governare da subito. Insomma, meglio perdere sei mesi e ricostruire piuttosto che affrontare un anno e mezzo di crisi e litigi.

house_of_cards.0

House of Cards 6, ridateci Frank!

Sì, vero, è stato il turno di Claire Hale Underwood e si è visto. Fredda, calcolatrice, spietata, ieratica, ma valeva davvero la pena fare a meno di Frank Underwood pur di andare avanti? A mio parere: assolutamente NO. La sesta stagione di House of Cards, uscita in modalità Netflix (tutti gli episodi caricati su on demand in contemporanea) su Sky, si è rivelata la peggiore della serie nonostante alcuni picchi drammaturgici notevoli, merito soprattutto della bravissima Robin Wright e di un intenso Michael Kelly. Gli sceneggiatori hanno dovuto ridisegnare una stagione forse già in parte scritta all’indomani degli scandali sessuali che lo scorso anno colpirono il protagonista Kevin Spacey, licenziato in tronco e sparito dalle scene in maniera inspiegabile. Hanno quindi trasformato Claire, il personaggio interpretato dalla Wright che era già diventata Presidente al termine della quinta stagione, in qualcosa che non era mai stata: la tessitrice di una trama non sua, in un contesto in cui era stato adorabile, nelle prime cinque stagioni, vederla come spalla e complice essenziale per i “successi” del marito. Questo non va letto come una visione maschilista, per carità, ma il meccanismo funzionava a meraviglia fin dalle prime scene della prima stagione. Nell’episodio 1×01, quando Frank tornò a casa deluso per non essere stato nominato Segretario di Stato dal Presidente Garreth Walker, Claire si arrabbiò con lui perché non era abbastanza irato, una scena che introdusse un personaggio complesso e affascinante proprio perché definito in quel modo. Privarsi di un Frank Underwood è stata una scelta suicida, e la sesta stagione ne ha pagato le conseguenze. Frank aveva un sesto senso innato, capiva prima degli altri la mossa giusta da fare e quando le sue azioni lo portavano verso un vicolo cieco, la capacità di calcolo e di manovra lo facevano scivolare via, veloce, verso la salvezza. Quello che è mancato è stato proprio questo, un personaggio capace di un guizzo, sempre un passo avanti agli altri, capace di influenzare le scelte degli altri prima ancora di conoscerle. Un Frank Underwood manca e mancherà tantissimo, perché era un maestro, non di cattiva politica, perché di quelli ne siamo pieni fin sopra i capelli. No, Frank era un maestro della lettura del comportamento umano. Quando rivolgeva lo sguardo alla cinepresa, guardandoci tutti negli occhi, ci spingeva a pensare come lui, anche se non era facile, se non avevi il suo background, se non eri parte di quel mondo, ti rendevi conto che aveva sempre ragione lui. Alla sesta stagione di House of Cards sei mancato da morire, caro Frank, e a noi ancora di più.

maxresdefault-7

La Terra delle Opportunità da cogliere

La democrazia americana non mi è mai piaciuta. L’ho sempre trovata troppo personalistica, eccessiva, legata al potere economico. Le devo però riconoscere questo: anticipa sempre di qualche anno quello che succederà nel resto del pianeta. E’ successo anche stavolta con le elezioni di medio termine. La Camera dei Rappresentanti, che si rinnovava interamente, è passata dai Repubblicani ai Democratici. Fin qui tutto apparentemente normale, perché poche volte nella storia il partito del presidente in carica ha vinto le elezioni di metà mandato. Stavolta è stato diverso perché una parte del Partito Democratico ha scelto di cambiare strategia, puntando su una nuova generazione di politici e aprendosi alla società americana del 2018. Sono entrate, per la prima volta nella storia, oltre 100 donne in parlamento, molte provenienti da diverse estrazioni sociali. Tra queste, il caso simbolo è Alexandria Ocasio-Cortez, la più giovane deputata della storia, nata il 13 ottobre 1989 nel Bronx, quartiere popolare di New York, e senza una particolare storia politica alle spalle.

5b3396571ae66239008b4994-960-480

Alexandria, laurea in economia e relazioni internazionali alla Boston University, ha iniziato la militanza politica appena due anni fa, lavorando al comitato per le primarie democratiche di Bernie Sanders. Quel comitato, dopo la sconfitta del senatore del Vermont, venne trasformato nella sezione newyorkese del Brand New Congress, una sorta di corrente di sinistra del Partito Democratico. A quel punto, in vista delle primarie democratiche per la scelta del candidato al Congresso del 14° distretto di New York, feudo da 19 anni del potente Joe Crowley (numero 3 del partito), Alexandria venne indicata come sfidante, e nonostante un misero budget riuscì lo scorso giugno a battere Crowley con un sonoro 57%. Le sue idee sono le stesse di Sanders: migliorare la politica sui diritti delle donne, sanità accessibile a tutti, rigorose politiche ambientale, politiche dell’accoglienza, università gratuita per tutti, salario minimo dei lavoratori fissato a 15 dollari l’ora. Dove arriverà questa giovane deputata? Forse da nessuna parte, forse tra i tanti deputati anonimi, forse alla Casa Bianca, nessuno può dirlo al momento. Certo è che migliaia di elettori sono andati alle urne per darle un’opportunità. E qui arriviamo finalmente a casa nostra, ma quella piccola, cittadina, non la casa nazionale, anche se in effetti succedono le stesse cose, quindi è un paragone sostenibile. Da noi succede che una cerchia ristretta di politici storici sostenga di detenere in eterno la verità assoluta, anche quando sono stati già sconfitti più volte alle urne, dal tempo e dalla storia. Sostengono che, per vincere, sia necessario ripartire sempre da loro, i detentori della sapienza, e attendere le loro indicazioni prima di partire per la battaglia. Lo sostengono, ovunque, i big dei partiti, del cosiddetto establishment, che è un po’ lo stesso in ogni nazione del mondo: ricchi, imprenditori, politici navigati, media vicini al potere. In tutto questo, il popolo dove sta? Sta dalla parte di chi è più simile a loro, di chi dice le cose che vuole sentirsi dire, anche se sono senza senso e senza possibilità di realizzazione. E’ finita un’epoca, nessuno oggi ascolta più con idolatria le vecchie caste di potere. La vittoria del populismo, da Trump in poi, sta tutta qui, nel non avere capito dove stava andando la società. La risposta della sinistra americana non sta nel volto di Alexandria, nelle sue idee e nelle sue proposte, perché sono le stesse lanciate dal vecchio Sanders due anni fa. La risposta sta nel fatto di averle dato la possibilità di competere da protagonista. Alexandria e le decine di volti nuovi della sinistra americana si sono presi i posti che i notabili non avrebbero mai ceduto loro. E’ vero, il sistema delle primarie aiuta a bypassare le segreterie polverose dei partiti. Ma oggi che questi sono in crisi, bisogna occupare lo spazio fisico che stanno lasciando con idee e proposte vicine alle persone, ai loro bisogni e alle loro esigenze. Bisogna lanciare un progetto vero, onesto e concreto cui le famiglie e i giovani possano guardare con speranza e fiducia. Bisogna anche osare, lanciando sogni apparentemente irrealizzabili, ma se si ha paura di farlo la si darebbe vinta al popolo dell’odio e, peggio, alla casta dei dinosauri che non si arrende alle apparenze e vive in una dimensione parallela. Serve solo coraggio, sfrontatezza, determinazione, e niente sarà impossibile.

seggi elettorali

Il Quixote di Gilliam vive, finalmente!

La Mancha è un territorio ostile e surreale. Lievi colline verdi che diventano gialle o ocra, zone desertiche e ventose, costellate un tempo da mulini e oggi da migliaia di pale eoliche. Temperature altissime, sole e calore che compromettono vista e lucidità. In questo scenario lunare, avere delle allucinazioni era ordinario. Il genio di Cervantes, maestro della letteratura spagnola del seicento, una vita degna di un romanzo, generò in questo scenario un eroe destinato a diventare immortale: Don Quixote de la Mancha. In una società appassionata di letteratura cavalleresca e di imprese epiche, questo vecchio allucinato cialtrone sconvolse mode e consuetudini, cambiando per sempre la letteratura spagnola, che in quegli anni era il centro del mondo. Terry Gilliam ha avuto una vita altrettanto romanzesca. Le sue produzioni hanno sempre avuto esistenze tormentate e complicate, ultima proprio L’uomo che uccise Don Chisciotte, il film maledetto che sembrava impossibile ormai vedere realizzato. Mi sarebbe piaciuto essere lì, il giorno della prima del film, a vedere le lacrime di gioia di un maestro indiscusso della settima arte che assisteva al coronamento di un sogno durato 25 anni. Chiaramente, il film non è la trasposizione puntuale delle avventure di Don Chisciotte. Rappresenta invece un viaggio onirico, spettacolare, a tratti assurdo dentro la società di oggi, dove il più normale e umano è un vecchio pazzo rimasto intrappolato troppo a lungo dentro a un personaggio. C’è tutto nel film, modernità, messaggio politico, autobiografia. Difficile raccontare la trama, perché sarebbe un peccato andare a vederlo consapevoli di quello che succederà. Bisogna solo sedersi in sala, immergersi nel clima, dare la mano a Gilliam e farsi guidare da lui in un viaggio straordinario dentro la nostra anima. Straordinario Jonathan Pryce (meriterebbe la statuetta più preziosa). Molto abile Adam Driver, che si toglie finalmente di dosso la faccia lessa di Kai Lo Ren e ci mostra di essere un bravo attore. Un film che merita di essere visto, e che potrebbe essere l’ultimo di un maestro vero, un Quixote dei nostri tempi che non si è mai arreso alla forma e ha dimostrato a tutti di avere ragione.

coverlg_home

Giffoni e le radici piantate nel futuro

Se non vai a vederlo con i tuoi occhi non puoi ritenerlo possibile. Avevo sempre seguito con ammirazione le sorti del Giffoni Film Festival, un esperimento lungo 48 anni capace di portare un piccolo paesino della provincia di Salerno alla ribalta del cinema mondiale con un tema centrale di nicchia: il cinema per ragazzi. Non ero mai riuscito ad andarci, così, quando abbiamo ricevuto l’invito (seguito del nostro invito al Dieciminuti Film Festival dello scorso marzo, dove nacque una buona amicizia), non potevamo lasciarci scappare l’occasione. Quando siamo arrivati al paese da Salerno ho avuto subito un contraccolpo. Qui non usano le strutture del paese, non si arrangiano, qui le strutture le hanno costruite loro, un intero quartiere fatto da una sala principale (la Truffaut, giustamente dedicata al primo grande regista a credere nel sogno di Claudio Gubitosi, partecipando al festival nel 1982, quando era ancora un embrione rispetto a quello che è oggi), una immensa struttura chiamata Multimedia Valley (che ricorda vagamente, ma in grande, l’ex Cartiera Savoni), e due tensostrutture adibite ad altrettante sale di proiezione. Una piccola cittadella costruita a ridosso del centro, con fondi statali e soprattutto europei, una favola divenuta realtà: un festival che trascina l’economia di un paese, non il contrario, che cosa fantastica! Il resto sono i visi contenti dei tanti bambini (5600 giurati divisi per fasce di età, ognuna identificata da un colore di maglia diverso) che giravano per le sale, si sedevano sul prato, giocavano a volley o urlavano per gli artisti che sfilavano sul water carpet (bellissima variante azzurro mare del red carpet). La parte glam, ossia i carpet, ce la siamo goduta poco per via dei ventilatori che spruzzavano vapore acqueo che terrorizzavano la piccola Zoe (ma visto il caldo erano una benedizione). Poi un giro per il paese, trasformato interamente in una grande sala da intrattenimento, con artisti di strada, musicisti (il Giffoni Music Concept è praticamente un festival nel festival visto il livello degli artisti che suonano ogni sera), e ogni piccolo negozietto che ha un banchetto davanti la vetrina per vendere prodotti al pubblico. I conti sono presto fatti, 5600 giurati accompagnati in massima parte dalle famiglie fanno circa 16000 persone (stima al ribasso) che per 8 giorni passano le giornate in un paese di 10000 persone. Il calore del sud si percepisce ad ogni angolo, manca totalmente la spocchia che si avverte alla Festa del Cinema di Roma o in altri ambienti fighetti, è letteralmente bellissimo starci, e godersi tutto, per quanto risulti difficile viste le migliaia di giurati che giustamente gremiscono le sale per i film che devono votare. Ecco, forse una piccola pecca la devo trovare, da buon rompiscatole. In tutto il turbinio di cose che succedono (ho tralasciato che oltre a registi, attori, musicisti a Giffoni sono transitati i vari De Luca, Di Maio, Fico, Costa e un’altra dozzina di ministri e sottosegretari) forse la cosa che ha meno visibilità è proprio il concorso, gli attori e i registi dei film del concorso, mi sarebbe piaciuto conoscere e scoprire di più su di loro. Ma si sa, la perfezione non può esistere, ci accontentiamo di un grande e bellissimo sogno diventato realtà, avviato da un ragazzetto di 18 anni, nel 1971. Oggi quel ragazzetto sta ancora lì, dirige e coordina tutto, è un maestro vero, uno che ti può indicare la strada per trasformare i tuoi sogni in realtà. Dal prossimo anno, oltre a tornarci noi, cercheremo di portare a Giffoni anche altri piccoli della nostra provincia. Perché le radici, quando attecchiscono nel terreno giusto, danno vita ad alberi meravigliosi.

37406459_10216042548272947_2402611504315629568_o