Visti a Venezia: At Eternity’s Gate

In concorso a Venezia 75 At Eternity’s Gate, film che rivela l’animo di Van Gogh. Cosa vuol dire essere un artista lo spiega Julian Schnabel, lui stesso pittore, regista del film. Ispirato dai dipinti di Vincent Van Gogh, interpretato magistralmente da Willem Dafoe, attraversa la sua opera con lo stesso sguardo del pittore olandese e delle persone a lui più vicine come l’amato fratello Theo (Rupert Friend) o l’amico Paul Gauguin (il Poe Dameron di Star Wars Oscar Isaac). I movimenti di macchina conducono lo spettatore nella bellezza della natura e di quei dipinti che la ritraggono, solo posteriormente riconosciuti come arte pura. Il film scava negli eventi interiori che portano all’urgenza della pittura, tra la più buia alienazione e la lucida consapevolezza dell’arte e, dunque, della vita. Pur non essendo una biografia vera e propria trasmette il vero essere di Van Gogh, la sua realtà. Le pennellate cariche di tinte date con violenza insieme alle inquadrature sfocate e accuratamente mosse incarnano la sua poetica. Un film per chi sente ancora la necessità della Bellezza.

Roberta Fiaschetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...